lunedì 24 dicembre 2007

Arrampicatori sociali

Natale è ormai dietro l'angolo, ed è ormai tradizionale la visione di grappoli di Babbi Natale appesi a balconi, grate e inferriate, manco fossero Messner o un gruppo di trapezisti russi.
Lo spirito natalizio ci vorrebbe tutti più buoni, ma io sono un bastian contrario, e di solito sotto le feste mi monta ancora più forte del solito la misantropia cosmica; auspico quindi una caduta selettiva di meteoriti sulle case di chi ha esposto l'idiotissimo simulacro Babbesco. Chissà che un bell'aerolite di un paio di chili che sfonda il finestrone e trapassa il parquet non faccia riflettere chi spende bei soldi per appendersi al terrazzo un finto rapinatore (fossi un malvivente, la vigilia di Natale tuta rossa, barba finta, e via a svaligiar condomini...) sulle priorità della vita. Non che ci conti, sia chiaro.

Ah, Buon Natale.

martedì 18 dicembre 2007

La croce di S. Giorgio

Non sono nè particolarmente religioso, nè particolarmente tifoso: mi potrei definire moderatamente cattolico (con forti dubbi di origine darwiniana) e tiepidamente interista (più che per vera e propria passione, per tradizione famigliare).
Però quando leggo notizie come questa o questa mi viene quasi voglia (quasi) di organizzare la X Crociata.
Gli articoli sono archiviati in formato PNG anche qui e qui.

NB la croce di S. Giorgio sulla seconda maglia dell'Inter di quest'anno non è nient'altro che lo stemma della città di Milano, presente (insieme ad un fascio littorio!) sulle prime maglie dell'Ambrosiana. Ma immagino che questa fosse una verifica troppo complicata da fare per i tolleranti ed europeisti giornalisti turchi che hanno scatenato la polemica.

mercoledì 12 dicembre 2007

Per fortuna ci sono anche spot così...

Come spero si sia capito dal mio ultimo post, non detesto tutta la pubblicità: anzi, trovo che alcuni spot televisivi o alcune campagne stampa (quelle della vodka Absolut o, per rimanere in Italia, quelle dell'Esselunga) siano dei veri e propri capolavori.
Ho trovato quindi consolante scoprire che esistono ancora spot ironici, spettacolari e, soprattutto, intelligenti; fatti da persone con qualche idea migliore dell'adattare il testo di una canzone di successo (che, sia detto per inciso, è una forma di pubblicità che detesto con tutte le mie forze) e far ballare qualche poveraccio vestito da verdura (si capisce che auspico il ricorso a pesanti pene corporali per gli autori dell'ultima campagna del Parmigiano Reggiano?).
Per gli amanti della buona pubblicità, ecco qualche video da IuTiùb: tutti spot che hanno a che vedere, in un modo o nell'altro, con l'ambiente della F1.

Michael Schumacher per la Fiat 600, spot di qualche anno fa, secondo me tra i migliori in assoluto mai realizzati dalla casa di Torino (altro che il retoricissimo panettone per la nuova 500...).

Sempre Schumi, insieme a Kimi Raikkonen, per la nuova Fiat Bravo. Questo non è ancora arrivato in Italia, dove si preferisce la Nannini. Mah.

Hamilton e Alonso (con una comparsata di Hakkinen) per la Mercedes. Anche questo in Italia non si è mai visto.

Ferrari per Shell. Nella versione integrale da 2 minuti. Secondo me, uno degli spot più belli degli ultimi anni.