martedì 25 settembre 2007

Dimenticavo...

La bestia nuova sta bene, è stata battezzata Mina (Granata-Mina... lo so, gioco di parole orrendo. Però Mina è anche Mina Harker e la Tigre di Cremona, e poi l'animale dovrebbe essere di mia nonna, il nome l'ha scelto lei, quindi ci si adegua) e sta dimostrando di avere una personalità niente male.

H&H

Su Italia 1 è ricominciata da un par di settimane la messa in onda della terza stagione di House, e per nulla inaspettatamente, sta proseguendo lo scempio delle traduzioni&adattamenti a cui i curatori ci avevano abituato con le prime due.
Tre esempi, tratti dalla puntata Merry Little Christmas, due che dimostrano un atteggiamento odiosamente e pelosamente politically correct e uno che dimostra poca voglia di approfondimento (se ho trovato io la traduzione corretta con due minuti di ricerche su Google, qualcuno che è pagato per fare questo lavoro poteva anche arrivarci).

Il primo.
House, riferendosi a Cameron che ha trattato con (involontaria) scortesia una paziente nana, dice alla madre della paziente: She also hates Jews (Odia anche gli ebrei).
Traduzione: Odia anche i Rasta. I RASTA?

Il secondo.
Foreman espone allo staff una teoria suggeritagli da House. Wilson, che capisce che non è farina del sacco di Foreman gli dice: House, you've tanned! (House, ti sei abbronzato!) [Nota per chi non segue la serie: Foreman è nero]
Traduzione, che massacra completamente la battuta: House, giù la maschera!

Il terzo.
Wilson sta consolando una donna che ha appena perso il marito per un tumore. House entra nella stanza e dice alla donna: Look at the bright side. At least you don't have to go by Mrs. Zebalusky anymore. (Guarda il lato positivo. Almeno non dovrai più farti chiamare "signora
Zebalusky").
Traduzione:
Guarda il lato positivo. Almeno non avrai più la signora Zebalusky tra i piedi. Rivolto a Wilson.

Poi mi danno del talebano perchè preferisco guardare film e telefilm in originale...

C'è però una nota positiva: questa sera negli US of A cominciano sia la quarta stagione di House (a cui si riferisce la foto lassù) che la seconda di Heroes, e immagino che grazie a MuloTv potrò gustarmele come Iddio comanda. (O come Andrè The Giant comanda, tradotto come
L'incredibile Hulk in un un altro episodio di House. Ora: questo e questo vi sembrano la stessa cosa?)

mercoledì 12 settembre 2007

Bau!

Sono appena tornato a casa dal canile con il nuovo quadrupede (anzi LA nuova quadrupede) che speriamo rimarrà in famiglia per molti anni. Ha tre mesi, e come da antica tradizione è di pura razza bastarda, anche se pare che da qualche parte nell'albero genealogico ci sia del bassotto. Al canile era stata battezzata Granata, ma sicuramente le daremo un altro nome. Anzi, se qualcuno dei miei dodici lettori ha un'idea, suggerisca pure!

Ecco, appunto.

Ci mancava giusto lui.

11 settembre e complotti

Il complottismo in generale e quello sull'undici settembre in particolare mi affascinano. Mi sono sempre chiesto: come è possibile che persone evidentemente intelligenti riescano a rimanere serie sostenendo panzane mostruose smentite da una mole gigantesca di dati, osservazioni, testimonianze e dalle stesse leggi del buon senso e della fisica?

A partire dal primo e più famoso libro complottista, lì a destra, in cui si sostiene che nessun aereo abbia colpito il Pentagono l'undici settembre (e i passeggeri? e i rottami sul prato? e i testimoni?) ho seguito l'evolversi delle cosiddette "teorie alternative" e dei paralleli sforzi di debunking.
Mi pare inutile esplicitare da che parte ritengo stia la ragione: rimando all'ottimo undicisettembre, che raccoglie centinaia di documenti, immagini e soprattutto indagini sugli eventi di sei anni fa, e che smonta senza possibilità di appello le più diffuse teorie complottiste, cogliendo più di una volta i cosiddetti ricercatori della verità a manipolare fotografie, video e testimonianze per accordarle alle loro assurde teorie.

Il blog undicisettembre
Il primo documentario di debunking realizzato in Italia

PS Pare che Thierry Meyssan - ma l'interessato smentisce - abbia incassato dalla vendita del suo libro più di un milione di Euro. Forse la risposta alla mia domanda iniziale è più semplice di quanto appaia.

martedì 11 settembre 2007

Sei anni dopo

A sei anni di distanza dall'evento che ha dato inizio (nel bene e nel male) al terzo millennio, voglio ricordarlo con quella che secondo me è stata l'immagine più terrificante di quel giorno.

lunedì 10 settembre 2007

Prima aggiunta alla EOS400

Come avevo predetto qualche tempo fa, dopo l'acquisto della mia Canon EOS 400D sarebbe stato inevitabile spenderci dietro qualche Euro per dotarla di qualche accessorio. Dopo attente valutazioni costi/benefici l'ha spuntata di misura sul flash Speedlite 430 EX (che comunque rimane nella mia wishlist) il superzoom Sigma 18-200 OS, ordinato giusto ieri. Le recensioni scovate in rete sono tutte molto positive, considerando gli inevitabili compromessi a cui deve sottostare uno zoom 11.1X, e non vedo l'ora di averlo in mano e provarlo.